Come impastare la pizza con la planetaria

Ebbene si, è arrivato il momento di capire i segreti per fare una pizza con la planetaria capace di far saltare le tue papille gustative.

La pizza è davvero uno di quei cibi che mette d’accordo il mondo intero.

È praticamente impossibile trovare una persona al mondo a cui non piaccia la pizza.

Margherita, marinara, bianca, con salsiccia, prosciutto e funghi, con cornicione. Insomma, le tipologie di pizze potrebbero continuare all’infinito ed ogni persona ha la sua preferita ma la verità è che è l’impasto di base a fare la differenza.

Forse non lo crederai possibile ma è possibile fare una pizza perfetta anche direttamente a casa tua. Ovviamente se segui alcune semplice regole ed ascolti i nostri consigli.

Tra l’altro, se non ami molto gli impasti fatti a mano, puoi optare anche per l’acquisto della miglior impastatrice planetaria così da rendere il tutto ancora più rapido e semplice.

Ma andiamo con calma e scopriamo insieme i trucchi del mestiere.

Pizza con la planetaria: regole, consigli e trucchetti

Il segreto per fare una pizza davvero strepitosa è sicuramente quello del fare riuscire a creare un impasto che sia leggero e digeribile.

Detta così sembra estremamente semplice, ma in realtà non è poi così immediato come si crede.

Ti è mai capitato di mangiare una pizza che poi ti appesantisce lo stomaco per anche un giorno intero? Ecco, questo non dovrebbe capitare.

Se, quindi, alla base vi è la leggerezza e la digeribilità, la verità è che sono proprio i primi passi che si fanno con l’impasto a deciderne poi la buona riuscita o meno.

Mettiti comodo perchè ora ti sveleremo delle cose davvero importanti che se seguirai con precisione ti porteranno ad avere la migliore pizza con impastatrice planetaria in assoluto.

Perchè fare la pizza con la planetaria?

Prima di capire i diversi passi da seguire per la fare pizza homemade perfetta, ci teniamo anche a dirti i diversi vantaggi che puoi trarre dall’utilizzo della planetaria per creare l’impasto.

Tieni presente che una pizza perfetta viene data da un’incordatura eccellente.

Cosa s’intende con il termine incordatura?

In pratica, è quella maglia glutinica che si crea grazie all’incontro tra l’acqua e la forza meccanica della procedura d’impasto.

È proprio questa incordatura che permette, poi, all’impasto di lievitare in modo naturale e perfetto.

E ricorda che il segreto base per una pizza deliziosa è proprio la giusta lievitazione.

Un impasto che non ha lievitato bene non sarà mai un impasto buono e leggero.

La planetaria, ovviamente, è sicuramente una soluzione perfetta per impastare in modo eccellente senza il rischio di stancarsi o di mettere poca forza.

Come fare la pizza con la planetaria in modo perfetto?

Eccoci ora al momento che più aspettavi, ovvero il momento in cui ti spieghiamo come creare il tuo impasto per la pizza con l’impastatrice.

Prima di tutto ti consigliamo di prepararti tutti i diversi ingredienti davanti a te così da avere tutto a portata di mano:

  • farina (meglio preferire la farina 0 o la manitoba);
  • acqua;
  • sale;
  • olio;
  • lievito.

Ora che hai tutto davanti a te puoi cominciare con i diversi passi da seguire:

  • metti la farina dentro alla ciotola della planetaria;
  • aggiungi il lievito insieme ad un cucchiaino di zucchero per una migliore attivazione ed un po’ di acqua tiepida;
  • mescola un po’ e lascia riposare per circa 15-20 minuti;
  • aggiungi il sale e mescola a bassa velocità mentre versi a filo l’olio e l’acqua;
  • fai impastare per qualche minuto;
  • lascia riposare per minimo 4 ore così che lieviti per bene.

Detto questo, ci sembra giusto darti qualche dritta in più:

  • ricorda che la dose dell’acqua va a cambiare anche l’impasto finale. Più acqua significa pizza più morbida, meno acqua significa pizza più croccante. Ovvio che, comunque, l’equilibrio è importante;
  • l’impasto finale non deve essere troppo appiccicoso ma deve essere un bel panetto che si riesce a lavorare con le mani. Se è appiccicoso hai messo troppa acqua;
  • la lievitazione migliore è quella che va dalle 24 alle 48 ore. Sposta il tuo impasto in una ciotola più grande, coprila con un po’ di pellicola e mettila lontana dalla luce. Il posto ideale sarebbe il frigorifero almeno per la prima parte della lievitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *